Info utily
 

La storia dei farmaci carenti in Italia, spiegata con i dati

La storia dei farmaci carenti in Italia, spiegata con i dati

Wired, Riccardo Saporiti 

 

L’Agenzia del farmaco segnala che sono 3.200 i farmaci carenti in Italia, ma quasi la metà manca perché non è più in commercio e altri 400 saranno ritirati nei prossimi mesi. L’analisi dei dati e le spiegazioni sul fenomeno.

 

In Italia mancano 3.200 farmaci: questa la notizia che si è diffusa in questi giorni. E in effetti, se si scarica dal sito di Aifa (l’Agenzia italiana per il farmaco) il dataset dei farmaci carenti (questa la definizione) il mero conteggio raggiunge quota 3.192. Se però si analizzano i dati, si scopre che la situazione è più complessa. E, almeno sotto alcuni aspetti, meno allarmante.

 

I farmaci carenti

Dal computo totale di 3.192, occorre innanzitutto sottrarre 413 medicinali, il cui periodo di carenza, sempre secondo Aifa, avrà inizio a partire dal 2023. Giusto per capire: Benactiv gola, un colluttorio a base di flurbiprofene, cesserà la commercializzazione nell’agosto del 2023. Ed è per questo già inserito nel database dei farmaci carenti.
Sono poi diverse le ragioni per cui Aifa segnala la scarsità di un medicinale. E, nel 57,8% dei casi, il motivo è da ricondurre a una cessazione della commercializzazione del prodotto. Nel grafico sottostante il dettaglio.

 

CLICCA QUI SE NON VEDI IL GRAFICO

 

Ovviamente, la carenza dei farmaci non è dovuta solo a motivazioni di natura commerciale. Il dataset Aifa individua 750 medicinali difficili da reperire a causa di problemi produttivi, 168 per l’elevata richiesta che ne fanno dottori e pazienti e 77 per una combinazione di queste due motivazioni…

 

Leggi l’articolo completo

Un’Associazione libera e democratica, nata nel 1988  con il contributo della CGIL, che difende i legittimi interessi dei consumatori e degli utenti.

Seguici su: FacebookInstagram

Sede

Orario

Lun 9-13/14-18 – Mar e Gio 14-18. Solo su appuntamento.